Termometro per neonato: scegliere il modello giusto

La temperatura dei neonati va sempre tenuta sotto controllo, in quanto nei primi mesi anche una piccola febbre può segnalare problemi più seri. Scoprite con noi quali sono i migliori termometri per bambini e dove conviene acquistarli.

Termometro auricolare per neonato di BraunMisurare la temperatura a un neonato è un’operazione delicata, sia per la fragilità del suo corpo sia per l’impossibilità di ricevere una piena collaborazione dal piccolo. Non a caso, esistono diverse tipologie di termometri e più zone di misurazione ed è difficile, se non impossibile, identificare la combinazione migliore tra queste. Di seguito troverete una esauriente panoramica dei principali modelli di termometri per bambini in commercio, oltre a informazioni utili sulle zone del corpo in cui effettuare la misurazione della temperatura e su come interpretare la presenza di febbre in un neonato. Questo è un accessorio di cui nessun corredino neonato può fare a meno, alla stregua di un passeggino o dei pannolini; una volta letta la nostra guida, toccherà a voi scegliere quale sia il miglior termometro per bambini per le vostre esigenze.

I migliori termometri per neonati a colpo d’occhio

Nome del prodotto  Recensioni  Prezzo
1. Braun Thermoscan 7 termometro auricolare 
4,6 su 5 stelle
da 51,00€
2. Tecnimed VisioFocus Serie termometro a infrarossi 
4,3 su 5 stelle
da 69,99€
3. Vital Baby termometro con misuratore a distanza 
4,3 su 5 stelle
da 48,29€
4. Chicco termometro digitale 2 in 1 
3,9 su 5 stelle
da 12,29€
5. Chicco termometro frontale ad infrarossi 
3,8 su 5 stelle
da 24,99€

I principali modelli di termometri per neonati

Sul mercato si trovano diversi ottimi strumenti per misurare la temperatura dei bambini, ciascuno dotato di pregi e difettida tenere in considerazione, ragion per cui spesso il termometro per neonato migliore è quello con cui non solo noi, ma anche lui si trova maggiormente a proprio agio. Anche una lunga misurazione ascellare può essere effettuata con successo se il bambino non ha paura dello strumento ed è calmo e rilassato, magari perché sta bevendo dal suo biberon o ha il suo peluche preferito in mano.

Le tipologie principali di termometri per bimbi sono:

  • Termometri digitali
  • Termometri a infrarossi
  • Termometri di vetro
  • Termometri a cristalli liquidi

I primi tre modelli si differenziano anche in base alla zona del corpo nella quale permettono di misurare la febbre ai neonati. Dedicheremo a ciascuno di loro una sezione specifica. Per quanto riguarda i termometri a cristalli liquidi, invece, vista la loro inaffidabilità non vale la pena di spendere più che poche parole. Si tratta di sottili strisce di plastica da apporre sulla fronte e dotate di cristalli liquidi. Nonostante piacciano molto ai più piccoli per via dei diversi colori che assumono a seconda della temperatura rilevata e siano molto semplici da usare, non ci sentiamo di consigliarvene l’utilizzo per via della scarsa precisione delle rilevazioni da loro effettuate.

Pregi e difetti dei termometri digitali per bambini

Termometro per neonato di BraunCon la scomparsa del termometro a mercurio, i termometri digitali sono diventati di sicuro i più utilizzati tra gli adulti, per via dell’ottimo rapporto qualità / prezzo. Con una spesa molto limitata, infatti, questi prodotti permettono di misurare la temperatura con un margine di errore praticamente insignificante dal punto di vista strettamente clinico. Per quanto riguarda i termometri digitali per bambini, questi risentono molto della concorrenza dei meno invasivi modelli a infrarossi. I termometri digitali per neonati consentono comunque di procedere con la misurazione in tempi rapidi (1-2 minuti) e ci informano tramite “bip" sonoro a operazione avvenuta.

I termometri elettronici per la febbre possono essere usati a livello rettale o ascellare, mentre è sempre meglio rimandare l’uso orale finché il bambino non ha compiuto 4 anni, dato che potrebbe decidere di mordere lo strumento. I modelli per uso rettale devono avere una punta morbida e flessibile, che sia il meno traumatica possibile per il piccolo.
Riassumendo, ecco i pro e contro dei termometri digitali:

  •  Rapporto qualità / prezzo
  •  Semplicità di utilizzo
  •  Buona velocità di rilevazione della febbre
  •  Allarme acustico
  •  Batteria si scarica
  •  Meno preciso del termometro di vetro

I termometri a infrarossi per bambini: pro e contro

Negli ultimi anni i termometri a infrarossi per neonati hanno riscontrato sempre maggior successo. I vantaggi principali di questi strumenti derivano dalla rapidità con cui eseguono la "lettura", pochi secondi, e la non invasività della misurazione. Alcuni modelli per la lettura frontale permettono addirittura di misurare la temperatura a distanza e senza contatto tramite un puntatore. I termometri a raggi infrarossi per neonati sono i “fratelli minori" di apparecchiature più sofisticate utilizzate da pediatri e ospedali (termometri pediatrici) e per questo richiedono una certa abilità per poter essere sfruttati appieno. I termometri da orecchio in particolare devono essere maneggiati in maniera corretta per ottenere misurazioni attendibili.

Termometro infrarosso per neonato di TecnimedRicapitolando, i termometri a infrarossi per neonati si dividono in frontali e auricolari. Come già accennato, per il primo tipo si distingue ulteriormente tra modelli che effettuano la misurazione a contatto e quelli che la fanno a distanza. Alcuni modelli, inoltre, consentono di effettuare anche la misurazione rettale e ascellare, nonché di misurare la temperatura ambientale (utili, quindi, a misurare la temperatura dell’acqua del bagnetto, per esempio).

I termometri auricolari, invece, si inseriscono nel canale auricolare e catturano il calore emesso dal timpano e dai tessuti circostanti. La membrana timpatica ha una temperatura di circa 0,5 °C superiore al resto del corpo, cosa di cui va tenuto conto al momento di interpretare il risultato sul display (un po’ come avviene nel retto con i termometri rettali). Se usati correttamente sono molto precisi. Spesso vengono forniti provvisti di ricambi igienici per poter essere usati da più membri della famiglia.
I pregi e i difetti di questi dispositivi a infrarossi sono:

  •  Rapidità di misurazione della febbre
  •  Poca invasività
  •  I modelli a distanza sono i più igienici in assoluto
  •  Molto più costosi dei modelli elettronici
  •  Poco precisi se non li si sa usare correttamente

Vantaggi e svantaggi dei termometri di vetro

In passato, i termometri in vetro contenevano al loro interno il mercurio, sostanza tanto precisa nelle misurazioni quanto nociva e pericolosa per l’uomo e l’ambiente. Al bando da anni, il mercurio è stato sostituito dal galinstano, una miscela di gallio, indio e stagno, altrettanto precisa ma purtroppo non esente da difetti. In particolare, la viscosità di questo materiale da un lato rende difficoltosa l’operazione di “azzeramento" della temperatura una volta conclusa la misurazione, dall’altro fa sì che rompere questo strumento – in fragile vetro – non sia ancora una buona idea. Per eliminare le macchie create, infatti, occorrerebbe parecchio olio di gomito!

Termometro in vetro per neonatoRispetto ai modelli digitali, i termometri in galinstan hanno bisogno di molto più tempo per effettuare le loro rilevazioni. Perlomeno 5 minuti, ma più ci si avvicina ai 12 più affidabile sarà il risultato. Inutile dire come utilizzare un termometro di vetro per bambini e neonati per un tempo così prolungato aumenti di molto il rischio di incidenti, a tutte le età.
Riassumendo, pregi e difetti dei termometri di vetro per bambini sono:

  •  Costo contenuto
  •  Misurazione estremamente attendibile
  •  Tempi di misurazione elevata
  •  Pericolo di rottura

Niente panico in caso di febbre

Prima di capire quale termometro per neonato scegliere, è meglio chiarirsi le idee sul vero significato dell’innalzamento della temperatura corporea. La febbre  rappresenta una reazione dell’organismo di fronte a un problema, molto spesso causato da microbi. Per questo essa non è mai, in sé, il problema quanto un sintomo che deve metterci in allerta. Nei bambini, si inizia a parlare di febbre per temperature che superano i 37,5-38 °C (la temperatura normale di un neonato rilevata in modalità ascellare si aggira sui 36,5-37,2 °C) . Al di sotto di questi valori si può, al più, parlare di febbricola. Nel caso di neonati sotto i 3/6 mesi d’età, anche una febbricola può essere sintomo di una malattia importante e in questi casi occorre sempre contattare subito il proprio pediatra.

Per quanto riguarda i bambini più grandi, considerato che ogni grado di temperatura in più comporta un aumento delle difese dell’organismo, in caso di febbri medio-basse (fino a 38-38,5 °C) potrebbe non esserci urgenza di intervenire per abbassarle. L’importante è monitorare lo stato di salute generale del bambino, per capire se oltre alla febbre sono presenti altri sintomi preoccupanti (vomito, diarrea, tosse...) o se sembra stare, tutto sommato, bene.

Dove è meglio eseguire la misurazione?

Tradizionalmente, la misurazione della temperatura  è sempre stata effettuata a livello ascellare, rettale o orale. I termometri a raggi infrarossi hanno introdotto due nuove “zone", l’orecchio e la fronte. Di seguito, illustriamo pregi e difetti di ciascuna zona e gli accorgimenti per ottenere misurazioni più attendibili. La modalità di misurazione preferita vi potrà essere utile al momento di decidere quale termometro per bambini acquistare.

Termometro per neonato di Braun

Misurazione orale:
Come già accennato, questa modalità è sconsigliata sotto i quattro anni in quanto è impossibile avere la certezza che il bambino non morda lo strumento.

Misurazione auricolare:
Questa misurazione si effettua con appositi termometri a infrarossi. Data la delicatezza del timpano, è meglio che l’operazione sia svolta con molta attenzione e preferibilmente da chi ha qualche competenza medica. Assolutamente sconsigliato in caso di otiti.

Misurazione frontale:
il termometro a infrarossi rivela la temperatura sfruttando il calore condotto da un’arteria. Per questo, bisogna assicurarsi di appoggiarlo (o puntarlo, nel caso di termometri a infrarossi con puntatori) nel punto giusto per non sbagliare la misurazione anche di diversi decimi. La fronte deve inoltre essere ben asciutta.

Misurazione rettale:
Sia i termometri digitali che quelli di vetro possono essere utilizzati a livello rettale. La misurazione rettale è da molti considerata la scelta ideale nei primissimi mesi di vita del bambini e fino a un anno di età, mentre altri la ritengono troppo invasiva, poco igienica e imprecisa. Il bambino può essere posizionato in grembo sia sulla schiena che a pancia in giù. Con una mano lo si tiene fermo, mentre con l’altra si infila il termometro per circa 2 cm nel retto, avendo avuto cura di sterilizzare lo strumento e dopo averne cosparso la punta con un po’ di vaselina. Con un termometro digitale basteranno un paio di minuti. Ricordatevi che la temperatura rettale supera quella corporea di circa 0,5 °C.

Misurazione ascellare:
Anche in questo caso, sia i termometri digitali che quelli di vetro possono essere usati per una rilevazione ascellare. Questa modalità andrebbe sempre preferita in teoria, essendo meno invasiva e molto precisa. Tutto sta ad assicurarsi che la punta sia a contatto con la pelle e ben inserita nel cavo ascellare. La parte difficile è riuscire a far stare fermo per il tempo necessario (2-5 minuti a seconda del modello) il proprio piccolo, che si trovi nella sua culla, sul seggiolone o altrove.

Alcune accortezze per misurare la febbre ai bambini

Di seguito, elenchiamo delle buone pratiche da adottare quando vogliamo misurare la temperatura al nostro neonato o bambino:

  • Utilizzare il suo giocattolo o doudou preferito per tenerlo buono.
  • Misurare la temperatura sempre agli stessi orari: la mattina presto, verso mezzogiorno e la sera intorno alle 19:00.
  • La febbre va misurata prima dei pasti, per evitare che l’aumento del flusso sanguigno possa alterare i risultati.
  • Non misurare la febbre quando il bambino si è appena svegliato o ha sudato in maniera evidente.
  • Nel caso di utilizzo di termometri a raggi infrarossi, effettuare più misurazioni consecutive e fare una media.
  • Sfruttare la cintura di sicurezza della sdraietta o i bordi rialzati del fasciatoio per condurre l’operazione in totale sicurezza.
  • Fare acclimatare il termometro alla temperatura dell’ambiente (della cameretta, per esempio) prima di utilizzarlo.

Dove acquistare un buon termometro per bambini?

Ovviamente, è meglio non attendere che il vostro bambino abbia la febbre per dotarvi di un buon termometro. Dire quale sia il termometro per neonati migliore sul mercato è davvero difficile, visto che come abbiamo visto ogni tipologia presenta vantaggi e svantaggi da tenere in considerazione. Molti genitori scelgono di acquistarne almeno due di tipo diverso, in modo da avere due soluzioni tra cui scegliere o con le quali ricavare una media. Il consiglio che possiamo darvi è quello di effettuare il vostro acquisto su  Amazon.it. Non solo avrete modo di leggere approfondite schede tecniche e i commenti degli altri genitori, ma nella maggior parte dei casi non riceverete alcun addebito per la spedizione e potrete approfittarne per acquistare altri accessori indispensabili per il corredino neonato, come lo sterilizzatore e i pannolini. Prevenire è sempre meglio che curare!

 Bestseller: Termometro per neonato

1. Braun 7 termometro auricolare

Braun Thermoscan 7 termometro auricolare

  33 recensioni clienti    92% positive

 Ulteriori dettagli su Amazon.it

2. Tecnimed termometro a infrarossi

Tecnimed VisioFocus Serie termometro a infrarossi

  67 recensioni clienti    86% positive

 Ulteriori dettagli su Amazon.it

3. Vital Baby termometro a distanza

Termometro con misuratore a distanza di Vital Baby

  10 recensioni clienti    86% positive

 Ulteriori dettagli su Amazon.it

4. Chicco termometro digitale 2 in 1

Chicco termometro digitale per neonato 2 in 1

  103 recensioni clienti    80% positive

 Ulteriori dettagli su Amazon.it

5. Chicco termometro frontale ad infrarossi

Chicco termometro frontale ad infrarossi

  119 recensioni clienti    76% positive

 Ulteriori dettagli su Amazon.it

 I marchi più popolari

Chicco
Brevi
Babymoov
Philips Avent